Fieste de blave 2015

Eccellenze in cucina....

Emanuele Scarello sarà la prestigiosa "firma" della ricetta a base di mais de "Fieste de blave 2015"

Tra il ristorante “Agli Amici” di Godia e l’Associazione Giusto Caenazzo di Grions c’è un feeling particolare che si esprime annualmente con la realizzazione da parte dei grionesi di una treccia di pannocchie all’ingresso del ristorante. Luigi Picco con l’ausilio di Bartolomeo Bellasini realizza l’“opera” e mantiene i rapporti con i titolari. Le pannocchie che formano la treccia sono quelle della mostra-concorso del mais, quindi di ottima qualità.

E nel 2015, Emanuele Scarello, chef di fama internazionale, sarà la prestigiosa “firma” della ricetta a base di mais che presenterà alla “Fieste de blave”. Ha accolto con piacere e senza indugi la richiesta dei dirigenti dell’Associazione Caenazzo e sarà, è il caso di dirlo, “il piatto forte” della prossima sagra di ottobre.

***

Il ristorante “Agli Amici” ha una storia che parte da lontano, attraversando ben tre secoli, ed è legato alla famiglia Scarello, che ne ha la proprietà fin dal 1887.

Emanuele è figlio d’arte: l’unica e concreta maestra di cucina è stata sua madre, che più che le tecniche gli ha insegnato la sensibilità e il “cuore” nel cucinare. Fin da bambino ama i fornelli, i sapori, i profumi della cucina, e questa passione si trasforma nel tempo nel tocco artistico che solo i maestri chef sanno dare. La pennellata, l’estro creativo di Scarello elevano la cucina friulana ai massimi livelli.

Il ristorante, è gestito insieme alla sorella Michela (con papà Tito in sala), mentre in cucina Emanuele si affida all’aiuto, preziosissimo, di mamma Yvonne. Nelle loro mani i migliori prodotti di terra e di mare della regione vengono reinterpretati con stile e sensibilità.

Emanuele fa parte dei Jeunes Restaurateurs d’Europe 1999, di cui è stato anche presidente italiano dal 2009 al 2012. Aperto al confronto e al mondo della ricerca, con un occhio ai sapori della tradizione e uno all’innovazione delle tecniche, Emanuele Scarello trova sempre nuove occasioni di crescita e di dialogo: è membro di Ire ed è uno degli ideatori di AlpeAdriaCooking, Festival di Alta Cucina destinato ai professionisti e ai gourmet, dove va in scena la cucina spettacolo, con le creazioni in diretta di celebrity-chef e giovani promesse della ristorazione italiana ed internazionale. (Dal sito: lacucinaeconomica.blogpost.it)

Da sinistra Michela Scarello, Bartolomeo Bellasini, Emanuele Scarello e il padre Tito, Luigi Picco
Elia Mauro, l'allievo delle scuole medie di Povoletto che ha vinto la borsa di studio alla memoria di Guido Beltrame. Accanto a lui la moglie di Guido, Daniela, e appena dietro i figli Paolo e Cristina. A destra il sindaco Andrea Romito.
La consegna della borsa di studio da parte della famiglia di Guido Beltrame (presenti i dirigenti del Centro Caenazzo e il sindaco di Povoletto Andrea Romito) all'allievo delle scuole medie di Povoletto Elia Mauro.
Inaugurata stasera ufficialmente la 16ma edizione della Mostra concorso del mais di Grions del Torre. Dopo la presentazione gli ospiti hanno visitato le sale d'esposizione. Da sinistra l'ingegner Sandro Rossi (vicepresidente Associazione Caenazzo), l'assessore provinciale Leonardo Barberio, Vilma Rizzi di Sclaunicco, vincitrice della "Panole d'aur" sezione aziende agricole; Renato Bonin (presidente Associazione Caenazzo); Andrea Romito (sindaco comune Povoletto); Valentina Bernardinis (assessore comune Povoletto) e l'Onorevole Angelo Compagnon.

Titolo

Dal mais si estraggono amido e olio:

fermentato produce bevande alcoliche

 

Il mais (Zea mays L.) è una pianta erbacea annuale della famiglia  delle Poaceae, tribù

delle Maydeae. È uno dei più importanti cereali largamente coltivato sia nelle regioni tropicali

sia in quelle temperate, in quest'ultimo caso a ciclo autunno-primaverile.

Il mais rappresenta la base alimentare tradizionale nelle popolazioni dell'America latina e, localmente, in alcune regioni dell'Europa e del Nordamerica. Nelle regioni temperate è principalmente destinato all'alimentazione degli animali domestici, sotto forma di granella, farine o altri mangimi, oppure come insilato, generalmente raccolto alla maturazione cerosa.

È inoltre destinato a trasformazioni industriali per l'estrazione di amido e olio oppure alla fermentazione, allo scopo di produrre per distillazione bevande alcoliche o bioetanolo a scopi energetici.

L'infiorescenza femminile, che porta le cariossidi, si chiama correttamente spiga ma viene più spesso impropriamente chiamata "pannocchia", mentre la pannocchia propriamente detta è l'infiorescenza maschile posta sulla cima del fusto (stocco) della pianta, che di contro viene talvolta chiamata impropriamente "spiga" per il suo aspetto.

Le cariossidi sono fissate al tutolo ed il tutolo è fissato alla pianta.

 

Sarà buona? Gli esperti dicono "eccezionale". Provare per credere!
La preparazione della polenta artigianale dei Maestri Luigi e Bruno!
Descrizione
Descrizione
Descrizione
Tutti a tavola!!
La povera porchetta che è andata nei piatti di collaboratori e volontari de "Fieste de blave 2013"
Premiazione di Eros Lesa, uno dei dirigenti, riconoscimento dovuto alla sua costante presenza e dedizione per la buona riuscita di tutte le attività del centro, nonchè per i continui ammodernamenti alla stuttura.